Storie di successo: Akron srl

Storie di successo: Akron srl
In di Boviar

Abbiamo intervistato il Dottor Gianluca Ascari, Amministratore di AKRON srl, società che da 21 anni si occupa di diagnostica e monitoraggio strutturale, offrendo servizi integrati ad alto livello tecnologico.


Dott. Ascari, di cosa si occupa la vostra società?

Akron nasce nel 2001 per capitalizzare, in modo imprenditoriale, importanti esperienze professionali maturate nel campo della geofisica. I principali servizi offerti riguardano indagini geofisiche, indagini strutturali, diagnostica, prove in sito, controlli non distruttivi e servizi di collaudo e monitoraggio strutturale e geotecnico. Si tratta di servizi integrati ad alto livello tecnologico, che offriamo nella convinzione che professionalità e conoscenza approfondita dei metodi e degli strumenti impiegati rappresentino il maggiore punto di forza di una società di servizi.


Quali sono i settori di intervento?

Operiamo prevalentemente nel settore infrastrutturale, su ponti, grandi opere, cioè opere stradali, metropolitane e linee ferroviarie, gallerie e dighe, e in quello della grande edilizia immobiliare, civile, industriale e storica. La nostra tipologia di servizi è da sempre molto ampia. Nei 21 anni di società abbiamo costantemente implementato nuovi servizi, in particolare nel settore della geofisica, con indagini sismiche geoelettriche e controlli non distruttivi su vari materiali (calcestruzzo, acciaio, muratura e legno), prove sulle strutture, prove su pali di fondazione, da quelle non distruttive alle prove di carico dinamiche, prove di collaudo, con uso di specifica sensoristica, unità di acquisizione per le prove dinamiche e statiche, martinetti oleodinamici, prova a spinta o a trazione su solai e ponti. Oltre a ciò, nel settore del monitoraggio, operiamo prevalentemente su gallerie esistenti e/o in costruzione e ponti, quest’ultimi per lo più già esistenti. Implementiamo nuove tecnologie soprattutto in relazione al monitoraggio dinamico, sviluppate in proprio, grazie ad un know-how ventennale nel campo della dinamica delle strutture.

Fin dall’inizio, il nostro punto di forza è stato lo studio teorico costante e critico delle metodologie utilizzate e la passione per il problem solving che ha inoltre permesso lo sviluppo e l’ingegnerizzazione di soluzioni proprietarie e innovative mirate alla risoluzione dei problemi nei vari settori di intervento. La nostra politica è sempre stata di investimento continuo in know-how, strumentazione di misura, nuovi software, acquistati o sviluppati da società terze su nostra richiesta per la risoluzione di problematiche specifiche e poi utilizzati internamente per il data processing e la rappresentazione del dato, attrezzature di prova, ecc. Questo ci ha permesso di affrontare numerosi temi e importanti progetti con un’ampia gamma di servizi per il cliente.


Ponte sul Bosforo – Turchia

Quali sono i problemi nei vari settori di intervento che siete chiamati a risolvere più frequentemente?

Per i nostri clienti abbiamo svolto interventi delicati e approfonditi sulle più importanti opere infrastrutturali del territorio italiano, dalla geofisica al monitoraggio, dalle prove su strutture di fondazione a quelle di verifica e collaudo. L’ampio parco di strumentazione di misura e di attrezzature di prova, frutto dei continui e costanti investimenti negli anni, ci permette di offrire prontamente una vasta gamma di servizi in tutti i settori operativi.

Da due anni a questa parte, siamo molto impegnati nelle attività di assessment delle gallerie delle concessionarie autostradali e nel monitoraggio dinamico dei ponti. 

Per quanto riguarda le gallerie di nuova realizzazione, siamo coinvolti nell’attività di monitoraggio e di controllo degli stati d’avanzamento dello scavo e nella risoluzione di eventuali problematiche e criticità legate allo scavo, sia esso di tipo tradizionale che meccanico, nonché di verifica e monitoraggio dell’opera finita mediante sensori, indagini radar e sismiche. Eseguiamo anche tutta la parte di prospezione del fronte di avanzamento dello scavo e indagini particolari, mirate alla diagnostica o alla risoluzione di criticità che si possono verificare nella fase costruttiva di un’opera.

Per l’attività di assessment delle gallerie utilizziamo strumentazione georadar, martinetti piatti e pull-out forniti da Boviar. 


Cern – Svizzera

Qual è il suo ruolo e com’è strutturata la società? 

Il mio ruolo è quello di titolare, socio unico e direttore tecnico. La società si compone di circa trenta persone, che sono impegnate in una struttura operativa in esterno (di missione) e una struttura per il data processing, la generazione dei report e la stesura delle relazioni di prova. La distinzione delle attività si pone l’obiettivo di incrementare la professionalità del personale: da un lato le attività in esterno di esecuzione prove, installazioni e acquisizione dati, con una costante attenzione alla qualità del dato acquisito e alla risoluzione dei più svariati problemi che il cantiere pone quotidianamente; dall’altro l’attività di data processing che necessita di un più approfondito studio teorico delle singole metodologie di indagine e l’osservazione critica delle potenzialità e dei limiti delle tecniche applicate.  Sul campo, il personale è organizzato in squadre di intervento, composte da due a sei elementi, in funzione del tipo di servizio, e coordinate da un responsabile tecnico. La struttura è completata dall’ufficio amministrativo e dall’ufficio gare. Questo ci ha consentito di sviluppare nel tempo una competenza e un’esperienza sempre maggiori, unite a una serie di strumenti tecnici sia personalizzati che creati ad hoc, fino a guadagnare la fiducia dei maggiori committenti a livello nazionale. Operiamo indifferentemente su tutto il territorio nazionale ed estero con proprio personale e strumentazione di proprietà. Occasionalmente abbiamo lavorato in tutto il mondo, dalla Turchia all’Angola, dalla Russia ai Paesi dell’Est. 


Come avete conosciuto Boviar e i loro sistemi di misura?

Devo dire che si perde nel tempo…il primo incontro credo risalga ad una quindicina di anni fa per delle prove con i martinetti piatti. Noi all’epoca ci servivamo di una strumentazione radar americana, ma una volta conosciuta l’azienda siamo passati alla strumentazione fornita da Boviar. Dal primo incontro, abbiamo avviato una collaborazione che si è consolidata negli anni e, ad oggi, la quasi totalità della strumentazione per i controlli non distruttivi e semi-distruttivi che eseguiamo ci viene fornita da Boviar approfondendo in modo costante un dialogo tecnico fondamentale.


Condividi su:
B-FANZINE:
ISCRIVITI E RESTA
AGGIORNATO
SU TUTTE LE NOVITà
DAL NOSTRO MONDO
E NON SOLO.